Sport: come tenersi in forma e migliorare la propria postura

sport-1284655_640In un mondo caotico e frenetico come quello degli ultimi anni, dove spesso ci sono molte ansie causate dalla propria situazione lavorativa, dallo studio, o magari da altri pensieri, uno dei pochi sfoghi rimasti è senza ombra di dubbio rappresentato dallo sport. Sia guardato che praticato.

Fare della sana attività sportiva, infatti, ha degli effetti straordinariamente benefici per tutto l’organismo, in quanto permette di tenersi in forma e, certamente, se praticato con una buona regolarità, anche di dimagrire. Non è certo un mistero se molte persone al mondo siano amanti dello sport, sia a livello professionistico che a livello dilettantistico. E il bello è che, a seconda del tipo di disciplina o di attività che si intende praticare, spesso è possibile farla ovunque e con delle spese davvero minime.

Un esempio lampante? La corsa. Chiunque può correre: lo si può fare a qualunque ora, e più o meno in qualunque luogo, purché non comporti dei pericoli per sé e per gli altri (ad esempio è fortemente sconsigliato correre su delle strade, specie se spesso trafficate). Correre con regolarità è uno dei metodi migliori e più efficienti per tenere il corpo in forma e ben allenato: permette di bruciare i grassi in eccesso, tiene i muscoli in funzione e provoca dei buoni miglioramenti anche circa la postura, l’andatura e la circolazione cardio-respiratoria. E per correre basta davvero poche: un paio di normali scarpe da ginnastica, ed una tenuta comoda e non troppo limitante nei movimenti, sono generalmente sufficienti.

Risultati analoghi possono essere raggiunti anche mettendo in atto un altro sport, quello relativo al ciclismo. Diversamente dalla normale corsa, in questo caso serve una bicicletta, che talvolta viene considerata come un mezzo di locomozione a tutti gli effetti: con essa si può anche andare nelle varie strade, naturalmente attenendosi ai vari codici e regolamenti vigenti.

Ma, oltre ad essere sacrificio e dedizione, lo sport spesso è soprattutto uno sfogo e un divertimento. Molti, infatti, si divertono praticando svariate attività, e spesso scoprendo anche di essere particolarmente predisposti nei confronti di una determinata disciplina. In tal senso, lo sport più diffuso al mondo, oltre che quello generalmente preferito in Italia, è il calcio. Per poterlo praticare a livello leggermente superiore a quello dilettantistico servono alcuni strumenti adatti, come ad esempio le divise, o i parastinchi, o ancora dei guantoni (nel caso in cui si ricopra il ruolo del portiere). Ma se si vuol giocare a calcio in totale leggerezza o libertà, è sufficiente possedere un pallone, anche economico, e con esso si possono trascorrere diverse ore in allegria ed in compagnia, bruciando al contempo molte calorie.

Ma sono molti gli sport, al di là del calcio, che possono essere praticati con l’ausilio di una palla. Tutto varia, lo ribadiamo, a seconda dei gusti e delle necessità di ogni individuo. Il basket, per esempio, è una alternativa molto interessante. Mira molto al gioco di squadra, e nel corso di questi ultimi anni ha trovato larga diffusione anche presso i vari istituti scolastici, che preferiscono insegnarlo in vece di altre discipline. Anche la pallavolo trova una grossa accettazione presso gli edifici dedicati all’insegnamento, e anch’essa può essere tranquillamente praticata a livello dilettantistico, magari tra i propri amici.

Se consideriamo le sfere piccole, ci sono poi sport decisamente più individuali, come ad esempio il tennis o il golf. Considerati fino a qualche tempo fa come delle attività di nicchia, dedicate ad individui più ricchi e benestanti, nel corso degli ultimi anni, probabilmente anche grazie alla larga diffusione sul palcoscenico internazionale (grazie a media come i quotidiani e le televisioni, che non mancano di rimarcare le varie gesta degli atleti olimpici), hanno strappato consensi anche a un nuovo tipo di pubblico, pronto ad allargare le proprie conoscenze e competenze.

E che dire poi di sport tutto sommato diversi, e che non richiedono l’ausilio di strumenti esterni come può essere una palla? A tal proposito, meritano sicuramente una menzione speciale le arti marziali. Si tratta di attività che, in particolar modo negli ultimi anni, hanno vissuto un vero e proprio boom: questo probabilmente sia grazie ai vari film che hanno aggiunto interesse alla mitologia e al folklore del settore, sia grazie ad una certa riscoperta della cultura asiatica, che ha sempre fatto un grande vanto di tali attività al punto da renderle praticamente archetipiche. E così, in questo largo novero di sport marziali, troviamo ad esempio il karate, o il judo, così come il taekwondo o il muay thai. Si tratta spesso di discipline votate soprattutto all’autodifesa ed a far maturare una certa consapevolezza di sé e delle proprie forze, aiutando quindi in modo deciso a creare e migliorare la propria autostima.

Altro sport particolarmente fiorente e amato in Italia è quello relativo al nuoto: non potrebbe essere diversamente d’altronde, visto che il Belpaese è una penisola bagnata dal mare da quasi ogni angolo la si guardi. Il nuoto è particolarmente amato, probabilmente anche grazie alle gesta dei vari atleti che ad ogni ricorrenza importante, come le Olimpiadi o i Mondiali, riescono a procurarci delle grosse emozioni. Vale la pena citare, da questo punto di vista, l’orgoglio azzurro rappresentato da Tania Cagnotto, immensa in Brasile per quel che concerne la specialità dei tuffi.

Un altro sport davvero molto interessante, e che in Italia vanta una tradizione felice, è quello della spada, che sia sciabola o fioretto. Un folklore che probabilmente ritrova le proprie origini nel medioevo, e che è diventata una specialità di casa nostra.

Autore dell'articolo: